venerdì 18 gennaio 2013

RAGU' DI COTECHINO.....triste




Ricettina veloce per i lettori del mio blog, quando scrivo di cucina penso sempre che le mie ricette forse saranno realizzate , allora perchè non suggerire qualcosa di non tradizionale, regionale ma semplicemente quotidiano?
Ovvero quelle pietanze che nascono all'impronta quando giri intorno al frigo ed alla dispensa e proprio non riesci a deciderti, dai confessate, a quanti di voi capita?
Credo a molti, ritornando al giro tra frigo e dispensa, ecco che si accende la lampadina ed il genio culinario che è in noi esplode e suggerisce la ricetta del riciclo.
Nel mio giro di qualche giorno fa la mia attenzione si è focalizzata sul cotechino, l'ultimo di una lunga serie devo dire e, per mascherare il tipo in questione l'ho trasformato in un atipico ragù, senza olio per carità che qui ci tengono alla linea.
E' stato un successone, quello classico da leccarsi i baffi.
Dunque se anche voi non ne potete più di osservare quel triste cotechino rimasto solo nella dispensa provate il mio ragù.

Per quattro persone ho utilizzato:
il triste cotechino nella dispensa,
1 confezione di pomodori pelati da 500 gr.
1 cucchiaio di soffritto classico carota, sedano e scalogno,
mezzo bicchiere di vino bianco,
1 bicchiere di latte scremato,
1 cucchiaino di maizena,
sale,
400 gr di rigatoni.

Preparate il cotechino seguendo le indicazioni sulla confezione, poi tagliatelo a dadini e saltatelo in una padella con il cucchiaio di soffriito, lasciate appassire le verdure con il grasso che rilascia il cotechino e sfumate con il vino, unite i pomodori frullati, la maizena ed il latte e lasciate insaporire 15 minuti circa, correggete di sale e fate cuocere ancora qualche minuto.
Intanto lessate la pasta , scolatela e conditela con il ragù.

Nessun commento:

Posta un commento

CHERRY PIE di Dale Cooper

Twin Peaks, il ritorno Il grande ritorno della creatura di David Lynch e Mark Frost è stato lanciato così, con poco indizi che hanno scombu...