martedì 19 febbraio 2013

A MASSIMO TROISI





Sguardi trasognati,
parole suadenti,
battute pungenti
ti rendono unico e vincente.
Si! Un vincente per una vita
che non ha avuto spazio per te,
se non brevemente.
Sei stato una cometa
nell'universo della vita,
una vita che hai afferrata,
hai combattuta e contro cui
il tuo Dio nulla ha potuto.
Così, hai ceduto e,
mentre il tuo corpo,
alle viscere della terra hai lasciato,
la tua filosofia ci hai donato.
Ora qui le lacrime che,
per te versiamo si uniscono
a formare un mare,
un mare di ricordi che solo sorrisi può scatenare.
Grazie Massimo,
sei stato per noi il nostro Pablo Neruda. Olimpia D'Ambrosio

Massimo Troisi oggi avrebbe compiuto 60 anni.

Biografia
Massimo Troisi nasce a San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli, il 19 Febbraio 1953. Figlio di Alfredo ed Elena Adinolfi, ultimo di sei figli, vive in una famiglia numerosa: i genitori, due nonni, gli zii e i loro cinque figli.
La passione per il teatro comincia a quindici anni quando ancora frequenta l'istituto tecnico per geometri.
La prima recitazione è nel gruppo de "I Saraceni" in cui fanno parte Lello Arena, Enzo Decaro, Valeria Pezza e Nico Mucci. Nel 1972 fondano il Centro Teatro Spazio in un vecchio garage a via San Giorgio Vecchio.
Nel 1977 nasce La Smorfia. Troisi, Arena e Decaro cominciano a recitare al Sancarluccio di Napoli e al La Chanson di Roma. Lo spettacolo ha un grande successo e presto arriva la proposta della RAI per il programma "NON STOP". In questa trasmissione conosce molti nuovi artisti, tra cui Pino Daniele. Partecipa poi ad un altro programma di tendenza: "Luna Park". Continuerà a registrare il tutto esaurito nei teatri italiani fino ai primi mesi del 1980.
Nel 1981 il primo film di Troisi: "Ricomincio da tre" di cui è regista e protagonista. Per questo film riceve a Taormina il suo primo premio: Il David di Donatello come miglior film.
Sempre nel 1981, chiamato dalla RAI, all'interno della serie CHE FAI...RIDI?! Massimo costruisce un film su una sua morte prematura dal titolo MORTO TROISI, VIVA TROISI.
Seguono cinque film di cui è regista e interprete, e cinque film da attore.

Nel 1989, alla Mostra d'arte Cinematografica di Venezia, Massimo riceve la Coppa Volpi come miglior attore ex-aequo con Marcello Mastroianni per il film di Ettore Scola "Che ora è".
Massimo muore, per un infarto, il 4 giugno 1994 a soli 41 anni dopo aver terminato le riprese del film Il postino. Il film riceve 5 nominations all'Oscar: miglior film, miglior regia, migliore attore protagonista, miglior sceneggiatura non originale, miglior colonna sonora. Unica statuetta assegnata è per la migliore colonna sonora.



Nessun commento:

Posta un commento

IL TORRONE DEI MORTI. O MURTICIELL

 Nella tradizione italiana ogni ricorrenza, sia essa religiosa che laica, ha un piatto tipico, spesso un dolce che la caratterizza. For...