domenica 3 febbraio 2013

BRIOCHE MARIKA FRUSCIO

Anni fa, durante una discussione sull'eleganza del seno perfetto, una tipa presente alla disamina fece osservare che il seno perfetto deve entrare in una coppa di champagne, anzi per dover di cronaca si narra che la coppa in questione sia stata modellata sui seni di madame Pompadour nel lontano 1700. Ora  poichè eravamo negli anni ottanta ed alla discussione era presente anche mio padre , con il suo fare eloquente e diretto contestò il fine giudizio della tipa, affermando il suo particolare interesse per "le zizze che vanno nell'insalatiera", ognuno poi stabilisce le dimensioni della propria insalatiera. In realtà mio padre con il suo ottimo fiuto (dato il suo naso importante) aveva visto lontano e quindi previsto la mania per i seni prosperosi, infatti in questo periodo è diffuso un rincoglionimento totale, tipico degli uomini sale e pepe per la napoletana Marika Fruscio e poichè tra gli uomini sale e pepe vi è pure mio marito, ho pensato bene di dedicargli delle brioche a tema per rendergli meno pesante il dover affrontare l'avventura mattutina della circumvesuviana., mi sono mantenuta nelle dimensioni perchè altrimenti ci sarebbe voluta una zuppiera al posto della tazza da cappuccino.

500 gr farina,
250 ml latte,
1 uovo,
100 ml olio evo,
2 cucchiai di miele,
10 gr lievito,
1 fialetta di aroma arancia,
zucchero in granella.

Mettere la farina sulla spianatoia, fare il buco e unire l'olio, l'uovo, il miele, l'aroma e il lievito sbriciolato, versare il latte lentamente e impastare fino ad ottenere un impasto liscio e morbido, porlo a lievitare e quando ha raddoppiato il volume, dividerlo in tante palline di circa 60/70 gr , fare un'altra pallina piccola e porla all'apice della brioscina, disporle su una teglia coperta con carta forno e lasciarle lievitare ancora fino al raddoppio. Successivamente con un pennello bagnarle con un pò di latte, decorarle con la granella di zucchero e cuocerle in forno caldo a 180° per circa 20 minuti.
Ah! dimenticavo per chi non la conoscesse questa è Marika

Nessun commento:

Posta un commento

IL TORRONE DEI MORTI. O MURTICIELL

 Nella tradizione italiana ogni ricorrenza, sia essa religiosa che laica, ha un piatto tipico, spesso un dolce che la caratterizza. For...