venerdì 11 marzo 2016

TORTANO E CASATIELLO storia e leggenda della loro diversità.

Ricordiamo a qualcuno che "TORTANO E CASATIELLO" non sono la stessa cosa.
Un po di storia e leggenda:......
queste specialità  napoletane, nascono sulle tavole delle nobili famiglie napoletane, il lunedì dell'Angelo, cioè, il giorno della Pasquetta, quando era usanza per quelle famiglie, recarsi nella proprietà di campagna ed incontrarsi tutta la famiglia in un contesto gastronomico all'aria aperta......
I contadini che curavano i loro poderi, all'arrivo dei "padroni, preparavano dei  menu ricchi di portate, realizzati con tutti i prodotti del territorio da loro curati, accompagnando il tutto, con dell'ottimo "pane cafone". Quell'anno, la Pasqua arrivò un poco tardi, oltre la metà di aprile... nel pieno di una primavera molto calda e soleggiata e, nel mentre si stava preparando l'impasto del pane, il contadino si accorse che quell'inverno ci fu una ricca produzione di salumi ricavati dall'uccisione a Natale, di un grosso e grasso maiale e, riflettendo pensò che con l'arrivo anticipato del caldo, tutto quel ben di Dio, avrebbe potuto subire qualche danno allora, tagliò a pezzi grosssolani, salami, pancette, capicolli, prosciutto e, avendo prodotto anche diversi formaggi, aggiunse il tutto all'impasto del pane comprese delle fresche uova sode delle numerose galline e una copiosa quantità di sugna anch'essa a rischio, sistemò il tutto in delle teglie tonde unte, e li infornò insieme al pane. Quando la famiglia si riunì intorno al tavolo per la benedizione, il capofamiglia, domandò chiarimenti su tutto quel bene di Dio e riferendosi a quel nuovo piatto, esclamò:- bella questa "torta"! - No- rispose il contadino -non è una torta!- E spiegò che si trattava del classico pane con tutti i salumi misti all'interno e, nell'evidenziare che era qualcosa di troppo pesante ed indigesto per i "nonni" arrivati con loro. Il contadino, con una rimanenza dell'impasto, una copiosa manciata di formaggi e delle uova sode, creò una ciambella, ci aggiunse delle uova sopra fermandole con delle crocette di impasto e infornò anch'esso, creando il "CASATIELLO" che prende il nome dalla quantità di "CACIO", formaggio contenuto..........
Dunque, "TORTANO" da "no torta" ma rustico.
"CASATIELLO" da cacio formaggio...... (caci..atiello)

Nessun commento:

Posta un commento

IL TORRONE DEI MORTI. O MURTICIELL

 Nella tradizione italiana ogni ricorrenza, sia essa religiosa che laica, ha un piatto tipico, spesso un dolce che la caratterizza. For...