mercoledì 17 aprile 2013

BUCATINI SPEZZATI CON PUTTANESCA DI TACCOLE.


Le taccole sono note anche come piselli cinesi oppure come "mangiatutto" poichè si mangiano con l'intero baccello, in quanto la membrana posta all'interno delle pareti è sottilissima. Proprio questa caratteristica, ovvero che di loro si mangi tutto, moltiplica la loro efficacia, rendendone più che mai valido l'effetto rimineralizzante. Più dei piselli, le taccole sono ricche di caroteni, vitamina C e fibra alimentare, contengono buone dosi di vitamina B9 e discrete quantità di ferro.
Inoltre esse sono un vero toccasana per regolare l'intestino possedendo fibre vegetali delicate ma molto attive, sono ottime dunque sia per chi ha problemi cronici di stitichezza accompagnata da gonfiori intestinali, così come per chi soffre di colite. Dal momento che stimolano appropriatamente la motilità dell'apparato digerente, sono un toccasana per coloro che hanno per lungo tempo fatto uso (meglio sarebbe dire abuso!) di lassativi e faticano ormai a ottenere, con questi rimedi, risultati apprezzabili.
Per manterne le proprietà bisogna cucinarle velocemente.
Infatti affinché mantengano intatte le loro virtù il segreto è non cuocerle troppo.
La mia proposta è un primo piatto ricco e gustoso:

500 gr di taccole,
100 gr di olive nere di gaeta denocciolate,
una manciata di capperi,
1 spicchio d'aglio,
250 gr di pomodori pelati,
olio evo,
sale,
400 gr di bucatini spezzati.

Lavate e spuntate le taccole poi tagliatele a piccoli pezzi e scottatele al dente in acqua e sale giunta a bollore.
Dopo scolatele, in una padella fate imbiondire l'aglio, unite le taccole, le olive, i capperi, i pomodori e saltate qualche minuto.Intanto lessate la pasta, scolatela e versatela nella padella con il sugo, mantecate e servite.
Spolverizzate con parmigiano secondo i gusti personali.

Nessun commento:

Posta un commento