domenica 9 febbraio 2014

CHALLAH con il bimby


Le ricette sono spesso legate alle tradizioni, a volte però acquisiscono un valore ancora più forte quando accompagnano momenti carichi di significato.
La challah infatti è un dolce della tradizione ebraica, una treccia di pasta dolce tipo pan brioche che viene consumata durante lo shabbat, la festa del riposo le cui celebrazioni iniziano la sera del venerdì con la preghiera del kiddush: durante il ringraziamento si benedice il vino, il pane e la challah appunto.
Se per altre ricette spesso possiamo consigliare di sostituire l'olio con il burro o aggiungere lo yogurt, questo non è possibile per la challah: infatti, se si vuole rispettare la ricetta tradizionale, per motivi religiosi non è possibile mescolare i derivati del latte con la carne, che solitamente viene consumata in questa ricorrenza.
Questo pane in formato monoporzione arricchisce le vetrine de bar napoletani e non solo ed è molto consumato a colazione farcito con marmellata o nutella.

500 gr di farina,
1 cubetto di lievito,
2 uova,
50 gr di zucchero,
50 ml di olio evo,
200 ml di acqua tiepida,
semi di sesamo,
1 tuorlo per spennellare.
Mettere nel boccale il lievito con la'acqua 2 min. vel 3.
Unire la farina, il sale, l'olio e lo zucchero.
Impastare 4 min. vel. spiga. Dopo un minuto, con le lame in movimento, aggiungere le uova, uno alla volta.
Se alla fine dei 4 min., l'impasto dovesse risultare troppo morbido aggiungere un pò di farina.
Fare una palla e lasciare riposare 10 min. coperto, dopo  lavorare la palla con le mani e lasciarla riposare per altri 10 min. Ripetere questa operazione un paio di volte. Coprire e lasciare lievitare 1 ora.
Trascorso il tempo, riprendere l'impasto, sgonfiarlo con le mani e suddividerlo in parti uguali, ricavere poi dei filoncini e intrecciarli 3 per volta.
Posizionare le treccie su una teglia rivestita da carta forno, spennellare con il tuorlo leggermente diluito con acqua e cospargere con i semi sesamo.
Fare lievitare per altri 45 min. poi cuocere in forno caldo a 180° per 40 minuti circa.

Nessun commento:

Posta un commento

IL TORRONE DEI MORTI. O MURTICIELL

 Nella tradizione italiana ogni ricorrenza, sia essa religiosa che laica, ha un piatto tipico, spesso un dolce che la caratterizza. For...