domenica 9 febbraio 2014

FUSILLI CON I FRIARIELLI


Uno dei capisaldi della cucina partenopea sono i friarielli.
I friarielli sono, per i napoletani, le cime di rapa, che si utilizzano in molte preparazioni culinarie soprattutto nelle regioni del sud.
A Napoli il consumo delle verdure a foglia è sempre stato molto cospicuo.
Infatti già nel 1600 i napoletani erano denominati mangiafoglie. A quei tempi le risorse per nutrirsi erano poche e per la maggior parte di tipo vegetale. Per questo le verdure venivano spesso adoperate come piatto unico accompagnate a legumi o pane.
Un connubio vincente è la pasta con i friarielli e la provola.
Per 4 persone occorrono
300 gr di friarielli già mondati, al netto degli scarti,
200 gr di provola di Agerola asciutta e tagliata a dadini,(basta tenerla in frigo un paio di giorni),
1 spicchio d'aglio,
olio evo abbondante,
peperoncino,
sale,
parmigiano,
400 gr di pasta tipo fusilli corti.
Lavare i friarielli, raggrupparli e tagliarli a listarelle, in una capiente padella far imbiondire l'aglio in abbondante olio, unire poi i friarielli e lasciarli appassire, aggiungere il sale ed un pizzico di peperoncino, intanto lessare la pasta al dente, scolarla e versarla nella padella dei friarielli con un mestolo d'acqua di cottura, unire la provola e il parmigiano e mantecare.

Nessun commento:

Posta un commento